QUANDO PORTARE IL BAMBINO AL PRONTO SOCCORSO

Molto spesso i genitori sono preoccupati e in ansia per un bambino,quando è malato o ha subito un trauma. Così accade che si corra al Pronto Soccorso.

Ma è importante chiarire che non deve essere usato per abitudine, per comodità o per evitare il pagamento di un ticket,poichè è un luogo determinante nelle situazioni urgenti o nell’impossibilità di contattare il Pediatra del piccolo.

Per agevolare il lavoro in Pronto Soccorso, è importante che i genitori conoscano le problematiche dei bambini e in particolare le seguenti:

FEBBRE – Se è elevata preoccupa molto i genitori ma è necessario che controllino sempre le condizioni del bambino, i segni e i sintomi associati.
Se il bambino è molto piccolo, di età inferiore a tre mesi, deve essere visitato dal Pediatra ,in caso di non reperibilità,necessita del Pronto Soccorso.
Nei bambini più grandi occorre una visita medica urgente quando la febbre è elevata, persistente,con poca risposta alla terapia antipiretica e si accompagna a sintomi di vomito e cefalea intensa. Il bambino, con età inferiore ad un anno, se in presenza di febbre o presenta crisi convulsive va portato al Pronto Soccorso.

VOMITO – Se il bambino presenta vomito ripetuto con più di cinque episodi in poche ore e non riesce a ingerire liquidi, ha bisogno di cure urgenti.
Lo stesso se oltre al vomito presenta altri sintomi come febbre e diarrea ( più di cinque scariche in poche ore ) è necessario farlo visitare per il rischio disidratazione,che si intuisce di allarme con : secchezza della cute e della mucosa orale, occhi alonati (cerchiati), mancanza di lacrime durante il pianto, ridotta emissione di urine nelle ore successive alla comparsa del vomito. Quando un bambino ha età inferiore a un anno: se vomita, non evacua da 24 ore deve essere visitato con urgenza.
Urgenza di visita per bambini con vomiti francamente ematici (macchiati di sangue) o di colore verde scuro o simile al caffè, da valutare in Pronto Soccorso urgentemente.

DIARREA– Quando il bambino presenta diarrea da oltre 24 ore, con più di 5-6 scariche al giorno, non riesce ad assumere liquidi o presenta segni di disidratazione, necessita visita urgente ,al pari di un bambino con diarrea visibilmente ematica o con sola emissione di sangue tipo “gelatina”.

DOLORE ADDOMINALE – Ci si preoccupa quando il bambino ha dolore, localizzato nelle regione inferiore destra dell’addome, e non evacua da oltre 24 ore, con vomito e febbricola . Con dolore addominale, successivamente ad un trauma della regione interessata, il bambino deve essere visitato in urgenza.

TRAUMA CRANICO – E’ urgente la visita in Pronto Soccorso quando ha perso conoscenza al momento di trauma cranico commotivo o presenza vomito, qualche ora dopo il trauma, con tendenza all’addormentamento, con pianto inconsolabile, strabismo, difficoltà alla deambulazione, cefalea.

MAL DI TESTA – In questa condizione, accompagnata da febbre e/o da vomito senza regressione con la somministrazione di comuni antifebbrili e/o antidolorifici, il piccolo deve essere portato in Pronto Soccorso.

DIFFICOLTA’ RESPIRATORIA – Soprattutto se di età inferiore all’anno, il bambino con difficoltà respiratoria,senza causa nota e senza prescrizioni del Pediatra, necessita visita urgente al Pronto Soccorso.

Luisa Costa Consulenza Medico Scientifica gratuita del Prof.Giovanni Serra già Primario Neonatologia Ospedale Gaslini Genova

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*