Unicef, settimana mondiale dell’allattamento al seno. Incontro con il Prof. Massimo Mazzella Direttore Dipartimento Materno Infantile Ospedale Galliera di Genova

È iniziata la settimana  mondiale dell’allattamento al seno.
Già il Presidente del SIN evidenziava l’ importanza  di  tale comportamento,sottolineando i vantaggi in specie per la ridotta incidenza di varie patologie e il migliore sviluppo cognitivo.
Purtroppo per bambini pretermine ciò risulta più difficile per varie cause.E va  ricordato che nel corso degli studi specifici non si parla  di questo.
Il Prof Mazzella sottolinea la grande importanza  dell’allattamento e spiega la specifica funzione del Colostro,che contiene tutti gli anticorpi della mamma e .quindi.ha funzione di protezione in particolare per patologie respiratorie e gastrointestinali .
Anche se la mamma ne produce solo 5 – 10 ml al giorno esso esplica la sua funzione protettrice.
L’allattamento inizia con il Colostro.
Il latte si evolve a poco a poco. Quindi si ha : il latte di transizione e il latte definitivo. Per arrivare alla montata lattea necessitano 70/72 ore.
Ma è bene precisare alcune inesattezze.
Esempio: nei primi  due giorni il piccolo può rifiutare il cibo senza alcun danno (bimbo nato a termine).
La produzione del latte viene stimolata dal bambino e non esiste il ” latte debole” in una mamma sana.
Il latte varia nella composizione anche durante la poppata .
Nei primi 15 giorni è ricco di proteine e con lo ” scarico” di endorfine della mamma aumenta e migliora.
Diverso per bimbi pretermine Tutto va sperimentato sullo specifico bambino .
Dalla  33° settimana il bimbo si attacca con difficoltà e deve imparare il meccanismo della suzione.
Se il pretermine sta  bene e con peso da kg 1.600 in su si attacca alla mammella parzialmente svuotata.
Ma per grandi prematuri  dopo 15 giorni è necessario fortificare il latte materno.
Al 3° mese il bimbo presenta uno ” scatto di crescita” Il piccolo cerca più latte e si innervosisce se non lo trova.
Quindi si attacca più spesso e mangia quando ha fame o la mamma ha il seno pieno.
Non esiste numero fisso di poppate  e il biberon sminuisce la produzione.
Fino a sei mesi il latte è essenziale Tra i sei e i  12 mesi è complementare.
Dopo è di grande importanza per il fatto affettivo. L’allattamento prolungato favorisce quoziente intelligenza e autonomia.
Secondo uno studio Antropologico il bambino nasce quando il bacino materno si è assestato per la posizione eretta futura del bambino.
L’ allattamento è la cosa più naturale del mondo e come dice l’OMS può prolungarsi finché lo desiderano mamma e bambino.
Luisa Costa

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*